sabato 16 settembre 2017

MA COME SIAMO CONTENTE ...SORPRESA PER CAMILLA CIOCCOLATO PER NOI GLI ANOLINI DI NONNA ADELE


Quando l'apinacamilla (e in questo caso è davvero "apina" ...due anni e mezzo) torna dall'asilo chiede:
Nonna hai la sorpresa?



La sorpresa ....
una barretta di cioccolato...che cerca in una scatolina quasi vuota...con il dubbio che il nonno le abbia mangiate tutte e siccome tutte le volte è l'ultima barretta


...quando la trova è felice,


sorridente quando inizia a scartarla e beata quando se la gusta.


Questo per dire che anche noi, nei giorni scorsi, aprendo la posta del nostro blogghino abbiamo avuto una bella sorpresa e come apinacamilla, felici, ce la siamo "gustata" e oggi la vogliamo condividere con voi.


La redazione del magazine online lorenzovinci.it un magazine dedicato alla cucina e all'enogastronomia italiana d'eccellenza ci ha scritto:


"Siamo di recente impegnati nella redazione di una serie di articoli di approfondimento dedicati ai prodotti più tipici italiani e la presente è per informarvi che all'interno dell'articolo dedicato agli ”Anolini” (https://lorenzovinci.it/magazine/recipe/anolini-al-parmigiano-in-brodo-che-cosa-sono-ricetta/), abbiamo selezionato e inserito la vostra ricetta (https://comeunfiorellinodirosmarino.blogspot.it/2014/04/anolini-di-parma-la-ricetta-di-nonna.html) tra le migliori del web!"

API D'ORO
Bello vero?
Una sorpresa molto gradita, soprattutto perche' la ricetta degli anolini di nonna Adele è una delle nostre ricette del cuore e davvero ne siamo state felici.
Grazie alla redazione di    (https://lorenzovinci.it/magazine/recipe/anolini-al-parmigiano-in-brodo-che-cosa-sono-ricetta/

Un bellissimo post che vi invitiamo a leggere  insieme alle altre due ricette selezionate.
Un bacio dalle 4 apine


 RIPOSTIAMO LA RICETTA DI NONNA ADELE RICORDANDOLA CON AMORE



Cosa non deve mancare sulle tavole dei parmigiani in occasione delle grandi  feste: Pasqua, Natale,  Capodanno?

                                                ANOLINI  "anulèn"  CAPPELLETTI  “caplètt”

 "Anolini" (senza la g) è termine esclusivo di Parma per denominare una pasta ripiena che nel resto dell'Emilia Romagna si chiama, invece, cappelletti, tortellini, ravioli, agnolotti ecc.
Gli anolini di Parma hanno la forma di un dischetto senza frangia, del diametro di 2,8 cm, fatto di due strati sovrapposti di pasta sfoglia.
Il ghiotto ripieno non contiene carne, ma è un impasto di formaggio Parmigiano Reggiano stravecchio grattugiato, di poco pane raffermo grattato, tuorlo d'uovo e sugo ristretto di stracotto di manzo con sapore di noce moscata a piacere.
E' il contenuto, non l'involucro, che fa l'anolino e lo distingue dagli altri prodotti similari. Il suo segreto e la sua bontà consistono nella giusta dose degli ingredienti, che solo le vere "rezdore" sanno dare. 

ricette-della-tradizione

Siamo emozionate....perchè preparare gli anolini o cappelletti non è solo fare la sfoglia, scottare il pane secco con il sugo dello stracotto mettere due tipi di formaggio parmigiano reggiano grattuggiato di età diversa, tagliarli a forma di disco con un stampino piccolo ..liscio..senza frange per carità e farli bollire con cura nel brodo che, per le feste, deve essere speciale o a regola d'arte, ma sono i ricordi, le emozioni, le risate,  i gesti delle mani della nonna, della mamma,  assaggiarli da crudi come si faceva da bambini "rubandoli" sul tagliere, sono il profumo e il sapore di casa che solo le ricette del cuore hanno e che rifacendole cerchi di risentire e fare sentire ai più giovani.
         

 

Ecco che già nel fare la spesa il rito degli anolini ha il suo inizio.
Sei attenta che la carne per lo stracotto sia quella giusta, il pane e i formaggi siano di ottima qualità e ti raccomandi ..."Guardi che devo fare gli anolini ...mi raccomando".
E' inutile dire che ogni famiglia ha la sua ricetta e che è sempre la più buona, c'è chi mette la carne nel ripieno e chi non la mette, chi li chiama anolini e chi cappelletti....in dialetto "anulèn" “caplètt” ma sono sempre molto amati.


E' una esecuzione lunga e va programmata soprattutto perchè lo stracotto deve bollire in 3 giorni diversi,
il ripieno, una volta pronto, se riposa un giorno diventa più gustoso e l'ultima fase, la preparazione della sfoglia e la foggiatura degli anolini ha bisogno di diverse ore.
La nostra ricetta ha già alcune note "moderne" come l'uso della pentola in acciaio, l'utilizzo del congelatore e quindi il vantaggio di prepararli con anticipo per poi scongelarli almeno 6 ore prima di cuocerli nel brodo, che la nostra nonna Adele già utilizzava e che noi oggi rifacciamo pensando a lei con grande amore.
Gli anolini di nonna Adele erano e sono indimenticabili.        

Ingredienti per lo stracotto
gr. 600 mix di manzo - vitello - maiale (il maiale si può sostituire con un pezzetto di gallina)
1 lt. e mezzo di acqua
1 cipolla steccata con 6 chiodi garofano
1 spicchio aglio
2 carote piccole
gamba di sedano
sale grosso quanto serve


Mettere nella casseruolina l'acqua fredda e tutti gli altri ingredienti,  metterla sul fuoco, schiumarla con cura, mettere il coperchio e fare bollire lentissimamente per 3 ore.
Spegnere e lasciare riposare una notte.
Il riposo va in frigo!!
Il giorno dopo si aggiunge un cucchiaio scarso di triplo concentrato di pomodoro, si fa bollire ancora due ore, e si lascia riposare una notte.
Il terzo giorno,  si fa bollire due ore e il sugo del nostro stracotto è pronto.  


Ingredienti per il ripieno
gr. 300 pane raffermo grattato
gr. 300 parmigiano reggiano grattugiato 24 mesi
gr. 300 parmigiano reggiano grattugiato 30 mesi
sugo di stracotto quanto serve
noce di burro
3 uova intere
profumo di  noce moscata grattata

Mentre lo stracotto bolle per le ultime due ore, si gratta il pane raffermo (pane comune non all'olio) e i due tipi di parmigiano reggiano.


La fase della "scottatura del pane è molto importante..è la base della buona riuscita del ripieno e va fatta con amore.
In una ciotola, dove resterà il ripieno finito, mettere il pane grattato e una noce burro.
Bagnare con un mestolo di stracotto bollente il burro freddo, che si deve sciogliere, il pane, mescolare, aggiungere il sugo di stracotto fin ad ottenere un impasto omogeneo, sodo e profumato.


Aggiungere, poco alla volta, i due tipi di formaggio grattugiati e mescolare.


Aggiungere uno alla volta le uova..uno



...due....


e tre.
Grattatina di noce moscata e amalgamare bene il tutto ....


Questo è il risultato. Fare riposare 1 giorno in frigorifero..i sapori fanno amicizia e il ripeno è pronto per diventare dei meravigliosi anolini.


Ingredienti per la sfoglia

1 Kg. di farina 00
10 uova
e ...mani in pasta!
Mettere la farina a fontana sul tagliere, al centro rompervi le uova


con le mani o con l'aiuto di una forchetta sbattere le uova e incorporarvi man mano la farina "rubata" ai bordi
Proseguire lavorando sempre con le mani fino a che tutta la farina sarà amalgamata.


E' necessario lavorare a lungo l'impasto per averlo liscio, omogeneo e compatto.
Metterlo in un sacchettino per alimenti e farlo riposare in frigorifero almeno 1 ora.


Finalmente....possiamo cominciare a "far su" gli anolini!!
Posizionare la macchina per la pasta, togliere dal frigorifero la sfoglia, il ripieno e prendere lo stampino rotondo ...liscio..di cm. .
Del ripieno farne tanti "grissini".
Questa operazione è molto utile e rende più veloce la composizione dell'anolino. sarà più facile farne delle piccole quantità pari ad una nocciola.


Tirare con la macchinetta per la pasta delle striscie di sfoglia sulle quali si posano le palline di ripieno a distanza di poco meno di 4 cm.


Ripiegare sui mucchietti in fila la falda della sfoglia rimasta libera e


premere, con le dita, intorno al ripieno per togliere tutta l'aria e con lo stampino tagliare e finalmente
eccolo il nostro anolino!


Si continua così fino ad esaurire il ripieno: si ottengono circa 800 anolini



Solitamente li prepariamo con largo anticipo.
Li mettiamo in bell'ordine su vassoi coperti da canovacci di bucato e li  mettiamo in freezer mezz'ora e una volta che si sono induriti li mettiamo in sacchetti per un numero di 200 l'uno. Naturalmente li teniamo in freezer fino al giorno che verranno tuffati nel brodo bollente.


Li facciamo scongelare per 5/6 ore dopo averli messi, sempre in bell'ordine, su vassoi coperti da canovacci di bucato...così facendo non raffreddano il brodo quando vengono tuffati nella pentola.

E l'amico fedele dei nostri anolini il brodo come si fa?
Vi vogliamo regalare la ricetta di nonna Adele scritta di suo pugno...  


domenica 10 settembre 2017

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE IL POLLO IN FRICASSEA



Ciao a tutti..eccoci dopo la pausa estiva ..
come è stata l'estate 2017?
......infinita e molto molto calda!!!
Oggi abbiamo il nostro appuntamento preferito
con le cuochine dei  Quanti modi di fare e rifare

                               



Questa  bella iniziativa è stata ideata da      Anna, Ornella Cuochina 
e per il 2017 ha lo scopo di rifare una ricetta,quanti-modi-di-fare-e-rifare.2017  seguendo un menù  prestabilito "La Cucina Regionale della Cuochina"
Oggi prepariamo una  ricetta regionale toscana  Pollo in fricassea


                                                                   

La ricetta è   QUI
e i suggerimenti della cuochina li trovate in

consigli-e-suggerimenti-della-cuochina.

Questa ricetta è assolutamente da provare per tanti motivi...è buonissima, semplice e veloce, si possono utilizzare diversi tagli del pollo



 e  quando la porti in tavola il suo colore giallo mette subito allegria!
Abbiamo  utilizzato le tettine del petto di pollo che abbiamo tagliato a straccetti...molto buone anche le fettine intere preparate nello stesso modo.



biglietto della spesa
500 gr. fettine di petto di pollo
rosmarino - maggiorana -  aglio
4 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
1 bicchiere di brodo di dado (dado home made)
farina di riso quanto ne serve per infarinare gli straccetti
sale e pepe (sale home made sale-profumato.)
1 limone


Tagliare a straccetti le fettine di pollo


e passarli con cura nella farina di riso.




Accendere il fuoco sotto ad un tegame.
Mettere l'olio, il rametto di rosmarino, maggiorana e lo spicchio di aglio  e fare profumare l'olio.




Mettere gli straccetti di pollo a rosolare




girarli e rigirarli finche' la farina sarà ben "tostata" 

spremere il succo di mezzo limone, salare con il sale profumato, pepare e aggiungere il brodo di carne di dado
Coprire con il coperchio e lasciare cuocere per circa 10/15 minuti....come dice la cuochna.. a fuoco debole.
 Di tanto in tanto rigirare gli straccetti di pollo nella padella, se il sughetto si asciuga, versare ancora un poco di brodo.

foto della cuochina nella sua cucina
 Con una forchetta mescolare il tuorlo con il succo di mezzo limone.
Togliere la padella dal fuoco ed irrorare il pollo con la salsina d'uovo, mescolare bene senza far rapprendere l'uovo,


si deve solo creare una densa salsina.


Travasare nel piatto e mangiare caldo. Lo stesso procedimento si può adottare anche per la carne di agnello, o vitello tagliati a spezzatino.
Come avete potuto vedere abbiamo utilizzato le parole della cuochina (colore fucsia) perchè i suoi suggerimenti sono sempre UTILISSIMI!!! 
Mille grazie  a   Cuochina, Anna, Ornella dei   Quanti modi di fare e rifare, per il loro grande lavoro e impegno.
Un bentrovate dopo la pausa estiva alle cuochine .............                                 
                                    quando ci vediamo con  Q.M.D.F.???

 8 ottobre 2017  Budinone senese

 buonissimo dolce della cucina senese

Un bacio dalle 4 apine

martedì 25 luglio 2017

APECUCIRINA E...IL SUO BANCHETTO ESTIVO



Se avete 5 minuti di tempo e avete voglia di essere curiosamente-rilassati....

vi facciamo vedere il banchetto estivo di apecucirina...
che ridere..
riesce sempre a sorprenderci....!!
Le presine allegre e multicolore messe al centro, posto d'onore,  dell'ultimo "banchetto" sono state realizzate da una nonna ottant....enne dalle mani d'oro....brava in tutto ..maglia...cucina...orto ...
Evviva!
 


Allegro e divertente il banchetto estivo di apecucirina non poteva non avere una linea borsette in stoffa che ricordasse il mare....un rombo con abito fantasia di righe vestito  



 cavallucci marini in abito da cerimonia



conchiglie e stelle marine pronte per andare a passeggio.
Bisogna dire che c'era anche una balena allegra, una tartaruga che ama il jeans, una stella marina gigante e molte altre...ma non abbiamo avuto la possibilità di fotografarle...hanno trovato subito una
ammiratrice.

Queste foto sono state fatte mentre erano in preparazione


Andiamo in cucina...
 

Grembiuli per mamma e bambina..
il tessuto è a righe-materasso di un tempo, grandi tasche di servizio e le piastrelline applicate sono una diversa dall'altra.


Grembiuli a grossi quadri bianchi e rossi...l'allegria pura!!
Le piastrelline ...non si sa cosa scegliere tanto sono belle...donne in bici con cestini pieni di fiori.... donne con papaveri fra i capelli


donne con grandi cappelli e papaveri, tessuti a righe. pois ...
insomma non smetteresti piu' di guardare!!! 



Ma dai!!!
questa è una anteprima autunnale...
grembiule a grandi quadri con i colori dal beige-nocciola-marrone e la piastrellina!?!?
stupenda...stupenda!!!
donna sexy-leopardata



e adesso si gioca ad apparecchiare la tavola...
tovagliette americane nei toni del rosso e scozzese con tasca laterale porta tovagliolo


e sulla tasca una mamma volpe con il suo cucciolo



segnaposto, sottobicchieri, sottotazza


e che dire di una bella colazione marinara anche per chi resta in citta'?
Bastano alcune conchiglie, una tovaglietta che ricordi il colore della sabbia, delle onde del mare e il rosso di un faro


la magia è fatta ...si possono aggiungere dei piccoli segnaposti coordinati con le tovagliette e "impreziositi" da bottoni che da grigio sfumano nell'azzurro e poi diventano blu. 


In questa scatolina cosa c'e'?
etichette per decorare vezzosi vasi di marmellate home made e perche no??...
segnalibri per chi ama leggere



che dire???
Ci siamo divertite moltssimo...siamo così allegre che  quasi quasi ci regaliamo questo cappello......
ci fara' belle??!!
Un bacio dalle 4 apine